Fiori fritti in pastella, di acacia e glicine

Oggi ho fritto un po’ di fiori: si avete capito bene, molti fiori sono commestibili, ma quelli del glicine sono proprio buonissimi. Sono stata ad una festa di paese dove c’era uno stand che vendeva, appunto, fiori di glicine fritti in pastella. Assaggiati, erano buonissimi. Il giorno dopo, a casa ho raccolto un paio di grappoli di questi fiori e ho preso anche qualche fiore di acacia che già sapevo essere commestibile, e pasticciando una buona pastella ecco dei dolcini buonissimi e molto “profumati, vi scrivo la ricetta.

image

Ingredienti

2 grappoli di fiori di glicine e 3 grappoli di fiori d’acacia
150 gr di farina 00
Un uovo
Un cucchiaio di zucchero
60 gr di latte
Buccia di un limone grattugiata
Il succo di mezza arancia
2 cucchiai di liquore strega o altro a piacere
Un pizzico di sale

una bustina di lievito secco
1/2 tazza di latte
un cucchiaino di zucchero
Olio di semi di arachide

In una tazza con un po’ di latte e un cucchiaino di zucchero, sciogliere il lievito, lasciarlo riposare per qualche minuto.

image

In una ciotola mettere la farina, l’uovo, il cucchiaio di zucchero, il latte, il limone grattugiato, il profumo di liquore e il succo di mezza arancia, un pizzico di sale

image

e il lievito ormai sciolto.

image

Amalgamare bene fino ad ottenere una pastella bella liscia, coprire e lasciarla lievitare.

image

Intanto lavare i fiori

image

e asciugarli su di un foglio di carta assorbente.

image
Dividere la pastella in due ciotole, in una mettere il glicine

image nell’altra l’acacia.

image

Scaldare l’olio e dopo aver mischiato i fiori alla pastella, prenderne delle cucchiaiate e farle cadere nell’olio caldo,

image

friggere finchè sono belle dorate. Scolarle bene su carta assorbente e passarle nello zucchero, servire caldissime.

image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *